GuidoniaToday

Ambulanze senza barelle all'ospedale di Tivoli: "Situazione non più gestibile"

"Profonda preoccupazione" viene espressa da Fabio Attilia, Consigliere comunale e delegato del Sindaco per la Sanità a Tivoli

Tivoli: l'ospedale San Giovanni Evangelista

L’Amministrazione comunale di Tivoli esprime profonda preoccupazione per la situazione sanitaria del territorio tiburtino, con particolare attenzione alla vicenda del presidio ospedaliero San Giovanni Evangelista. "La notizia apparsa su diversi mezzi di informazione locale di molteplici ambulanze bloccate al Dea del nosocomio tiburtino  - ha dichiarato Fabio Attilia, Consigliere comunale e delegato del Sindaco per la Sanità - impossibilitate a riprendere possesso delle barelle dedicate alle urgenze poiché occupate da pazienti in attesa di ricovero, ha sollevato l’ennesimo caso di errata gestione territoriale". 

NOTIZIA SCONFORTANTE - Il consigliere comunale a Palazzo San Bernardino da Siena non nasconde le proprie preoccupazioni: "La notizia appare sicuramente sconfortante ma è solo l’inevitabile conseguenza delle politiche regionali in materia di sanità. Il San Giovanni Evangelista è da molti ingiustamente indicato come l’unica causa di una serie di disservizi e di mal gestione sanitaria, dettata invece dalla scelta non condivisibile di depotenziamento delle strutture limitrofe a fronte di un mancato aumento della potenzialità ricettiva della stessa struttura tiburtina". 

IMPEGNO DELLA REGIONE - "La Regione Lazio - prosegue Attilia - si era più volte impegnata pubblicamente a risolvere i problemi della più vasta Azienda Sanitaria, la ASL Roma 5 (già RMG) puntando proprio sulla nostra Città come fulcro di una rete di servizi sanitari che vedono come bacino di utenza un territorio vastissimo ed altamente popolato. L’esiguità dei posti letto a disposizione, ben al di sotto degli standard regionali, ed il mancato turnover delle figure professionali che lavorano in continuo stato di precariato e carenza numerica, rendono le strutture della stessa ASL spesso carenti nel far fronte alle esigenze territoriali, con gravi disagi sopportati dall’utenza che troppo spesso è costretta a rivolgersi ai nosocomi romani (i quali vivono gli stessi disagi per gli identici motivi)". 

SITUAZIONE NON PIU' GESTIBILE - Un quadro desolante non più tollerabile: "Tale situazione - prosegue il consigliere comunale di Tivoli - non è più gestibile e la continua emergenza non può essere affrontata solo attraverso la buona volontà e lo spirito di abnegazione di molti operatori (medici, infermieri e tecnici di varie specialità) ai quali va la comprensione da parte di questa Amministrazione per le spesso difficili condizioni lavorative presenti, ma attraverso una programmazione aziendale che sia supportata da una reale politica regionale di potenziamento". 

ESIGENZE DEL TERRITORIO - "La Regione Lazio sarà chiamata a farsi carico delle richieste e delle esigenze del territorio tiburtino, per non essere i cittadini
dell’intero distretto continuamente costretti a richiedere cure fuori territorio o in strutture private, potendosi invece rivolgere con fiducia al presidio ospedaliero
di zona pretendendo standard qualitativi elevati. Rimane alta l’attenzione nei confronti di tale tema da parte dell’Amministrazione cittadina, rimarcando problematiche già denunciate quali la mancata implementazione dell’Emodinamica con turni H24, l’assenza di una Risonanza Magnetica pubblica, la carenza di personale e di posti letto
".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PROGETTO DI RETE - "La Città di Tivoli – ha concluso Attilia - non vuole assolutamente perdere il suo Ospedale e crede fermamente nell’importanza di un progetto di rete che veda il San Giovanni Evangelista come riferimento primario".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

Torna su
RomaToday è in caricamento