GuidoniaToday

Casello Guidonia, CAR: "Opera fondamentale per tutta l'area"

I dirigenti del Centro Agroalimentare di Roma commentano positivamente l'apertura del nuovo svincolo autostradale della città dell'Aria: "Nel cuore delle rete viaria"

La rotatoria che collega il casello a via Casal Bianco

Questo snodo infrastrutturale in apparenza così magro e spartano proietterà il CAR – ma anche l'asse industriale della Tiburtina Valley e il ricco distretto del Travertino Guidonia-Tivoli, giusto per citare i due esempi più importanti e tacendo delle decine di piattaforme logistiche, magazzini e centri commerciali presenti nella stessa area – letteralmente nel cuore della rete autostradale italiana Nord-Sud.  Alla direttrice autostradale Ovest-Est (già ben coperta dall'A24 Roma-L'Aquila) verrà infatti abbinata quella Nord-Sud che finora era raggiungibile solo dall'A24 attraverso la Diramazione Roma Est per l'A1 verso Napoli subito dopo l'uscita per Lunghezza e poco prima di quella per Tivoli. Questo il pensiero dei dirigenti del CAR (Cento Agroalimentare Roma) di Guidona il giorno dopo l'apertura dello svincolo autostradale della città dell'Aria

CENTRALITA': "Per il Centro Agroalimentare Romasottolinea Massimo Pallottini come Amministratore delegato della società di gestione Cargest, ma soprattutto come Direttore generale della holding immobiliare e controllante  "CAR Scpa" – l'inaugurazione del nuovo casello e la parallela crescita infrastrutturale del sistema di mobilità stradale ed autostradale locale e nazionale del comprensorio di Roma Est sono fattori di grandissima utilità accessoria per l'ormai imminente sviluppo ulteriore del Centro Agroalimentare Roma, del quale stiamo ponendo basi solide ed equilibrate attraverso una manifestazione di interesse che riguarda la disponibilità nel nostro compendio immobiliare di aree edificabili coperte per un totale di 12.000 metri quadrati. Contare su un sistema di mobilità e viabilità già così avanzato, accessibile e dinamico, come quello realizzato nell'area con il raddoppio della via Tiburtina, le vie complanari dell'A24 e la nuova stazione ferroviaria di Colle Fiorito, non sarà certo irrilevante per gli investitori e per la complessiva efficienza logistica e distributiva della nostra megastruttura".  Sulla stessa lunghezza d'onda, il Presidente di Car Scpa  Valter Giammaria: "Da fattore promozionale e pubblicitario inventato dai nostri esperti di comunicazione, il concetto della centralità del CAR sta diventando una concreta realtà del sistema economico, logistico e stradale del Lazio".  

SALTO DI QUALITA': All'intero comprensorio di Roma Est il nuovo svincolo garantirà infatti un vero e proprio salto di qualità nella viabilità e nella mobilità motorizzata. Da un lato permetterà di  migliorare notevolmente l'accesso al sistema autostradale nazionale del traffico mosso dalle molteplici funzioni urbanistiche (industriali, direzionali, distributive) che insistono sull'Asse Tiburtino. Da un altro lato consentirà anche di ridistribuire e di alleggerire il traffico locale oggi ininterrottamente intensissimo. Da una ulteriore prospettiva, garantirà più rapidi spostamenti da Roma Sud a Roma Nord, senza più la necessità per l'autotrasporto e la mobilità privata di entrare nell'eterna bolgia del traffico cittadino e metropolitano. Infine, promette di ottimizzare al massimo il flusso dei movimenti di merci in entrata a Roma da Nord e da Sud valorizzando altresì le preziose potenzialità di integrazione perpendicolare colla direttrice autostradale Est-Ovest dell'A24 Roma-L'Aquila in un autentico asse attrezzato autostradale all'americana. Gli stessi comprensibili timori di un eventuale ingolfamento di traffico e inquinamento appaiono ridimensionabili dal ben più ampio e ambizioso insieme degli interventi stradali, autostradali, urbanistici, logistici messi in programma in questo stesso contesto territoriale dell'hinterland orientale di Roma.

COMPLANARI E TIBURTINA:  Sull'Autostrada A 24 fervono da mesi i lavori di ampliamento che prevedono la costruzione delle "strade complanari" (il relativo Protocollo è sottoscritto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dall'Anas, dalla Società Strada dei Parchi, dal Comune di Roma, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma) per una lunghezza di circa 14 km dalla Barriera di Roma Est alla via Palmiro Togliatti. Non solo perché sono iniziati anche i lavori per il raddoppio della via Tiburtina (da Rebibbia fino a via Marco Simone è previsto un corridoio centrale per i mezzi pubblici ad alta frequenza e per il traffico di percorrenza più lunga con le corsie laterali per gli itinerari più brevi connessi alla viabilità strettamente locale). Ma anche perché proprio in località Colle Fiorito – cioè a breve distanza dal nuovo casello autostradale – è prevista la costruzione di una nuova stazione ferroviaria sulla linea Roma-Sulmona, con conseguente raddoppio del binario e inedite, promettenti, possibilità di scambio intermodale per i passeggeri e forse anche per le merci a partire dal 2014.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento