mercoledì, 16 aprile 8℃


Trasferimento sede Inps, Rubeis: "Scelta incomprensibile"

Il primo cittadino sullo spostamento dei locali di Colle Fiorito: "Ho intenzione di rivolgermi al Ministero del lavoro e della previdenza sociale, per segnalare questo comportamento antieconomico dell'Istituto"

Redazione23 aprile 2013

Contro ogni logica. Il sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis commenta scetticamente il trasferimento della sede Inps di Colle Fiorito di Guidonia. Sulla stessa linea il consigliere comunale Alberto Morelli: "È incredibile che malgrado l’impegno di questi giorni a trovare soluzioni alternative, l’Inps abbia deciso di chiudere l’ufficio di Guidonia Montecelio, a Collefiorito. Ci siamo sobbarcati l’onere di individuare dei locali di proprietà dell’ex Inpdap, ora Inps, li abbiamo segnalati ai funzionari responsabili deputati alla gestione degli immobili, ci siamo impegnati anche per la risistemazione di questi uffici. Una soluzione che per  l’Ente previdenziale sarebbe stata a costo zero".

COMPORTAMENTO ANTIECONOMICO - Eligio Rubeis che rincara la diose: "Non comprendo quale sia la logica economica di questa soluzione – sottolinea il sindaco di Guidonia Montecelio – a sostituire gli sportelli di Collefiorito dovranno essere degli uffici che verranno aperti nel comune di Tivoli, locali di cui dovranno essere comunque corrisposti dei canoni di affitto, senza contare le spese da sostenere per le operazioni di trasloco su un altro comune. Con buona pace della spending review. Ci siamo trovati di fronte ad una gestione sorda non solo alle istanze degli amministratori locali, ma principalmente ai bisogni di più di 85mila abitanti. Ho intenzione di rivolgermi al Ministero del lavoro e della previdenza sociale, per segnalare questo comportamento antieconomico dell’Istituto".

Annuncio promozionale

Eligio Rubeis
Guidonia Montecelio
inps
polemiche

Commenti