menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Guidonia Today

Guidonia, nomadi davanti al Cinema The Space: ordinanza di allontanamento

I tre nuclei familiari con caravan e roulotte in via Aldo Fabrizi, a Bivio di Guidonia. L'atto firmato dal vicesindaco Andrea Di Palma

I nomadi allontanati dall'area della Pista d'Oro a Castell'Arcione di Guidonia

Da Stacchini a Borgonuovo di Tivoli, passando per il parcheggio della Pista d'Oro, l'ex Centro Giotto di via Tiburtina ed un'area di Colle degli Abeti, periferia est di Roma. Seppure in numero sempre minore prosegue il girovagare di alcune famiglie nomadi italiane fra i Comuni della provincia nord est della Capitale. L'ultimo accampamento nella zona di Bivio di Guidonia, nei pressi di un supermercato e della multisala cinema della Città dell'Aria. Tre nuclei familiari rilevati nella giornata del 3 febbraio dagli agenti del Comando della Polizia Municipale in relazione alle quali l'amministrazione ha firmato una ordinanza di allontanamento (la numero 27).

L'ORDINANZA - In particolare, come si legge nell'atto firmato dal vicesindaco di Guidonia Montecelio Andrea Di Palma si ordina: "L'allontanamento dell'insediamento non autorizzato in via Aldo Fabrizi nei pressi del supermercato "Tuo dì", nell'area di influenza del cinema The Space Cinema e comunque dal territorio comunale, di ogni persona e cosa". 

PREMESSA - Un atto amministrativo nel quale si legge: "Considerato che le aree occupate non sono attrezzate né servite per la sosta di caravan e simili; Rilevato che detti insediamenti sono causa di gravi disagi della popolazione residente e per i fruitori dei servizi pubblici, oltre che causa di degrado per l'ambiente; Preso atto delle numerose lamentele dei cittadini e dei proprietari di unità produttive, fabbriche, residenti, interessate dalla sosta non autorizzata dei nomadi sotto
generalizzati; Ritenuto che i rifiuti, anche organici, prodotti dalle persone che compongono gli insediamenti stessi, che sono privi di ogni requisito
igienico/sanitario, e il loro scarico e accumulo costituiscano pericolo per la salute pubblica nonché per gli occupanti stessi; Considerato che fino a questo momento sono risultate vane le informali richieste d'allontanamento spontaneo fatte dal personale comunale incaricato; Ritenuto pertanto indispensabile ed improrogabile lo sgombero delle vie suddette dei nomadi sotto generalizzati, al fine di eliminare gli inconvenienti lamentati soprattutto di natura sanitaria
".

RIMOZIONE COATTA - In caso di mancato adempimento dell'atto di allontanamento: "si procederà alla rimozione coatta dei veicoli. I veicoli saranno restituiti previo pagamento delle spese di rimozione e custodia". 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    Torna su