GuidoniaToday

Ordinanza antiprostituzione a Guidonia, multe ai clienti ma non alle meretrici

L'atto è stato firmato dal Sindaco Michel Barbet. Non sono previste sanzioni per chi offre la prestazione

Immagine di repertorio

Da Tivoli a Guidonia Montecelio cambia il Comune ma non cambia l'atto. Dopo l'atto firmato dal Sindaco della Città dell'Arte Giuseppe Proietti anche il Primo Cittadino del vicino Comune della Città dell'Aria Michel Barbet ha firmato una ordinanza antiprostituzione entrata in vigore il 27 novembre. 

Come scrive Barbet sulla propria pagina facebook istituzionale: "Nell’Ordinanza contingibile e urgente si istituisce il divieto a chiunque di contrattare e/o concordare prestazioni sessuali a pagamento, ovvero richiedere informazioni sulle stesse o intrattenersi con soggetti che esercitino palesemente attività di meretricio su strada o che, per atteggiamento, abbigliamento ovvero per modalità comportamentali, manifestino comunque l’intenzione di esercitare l’attività in questione".

E’ vietato inoltre ai conducenti di veicoli di consentire la salita dei medesimi nel proprio veicolo per descritta finalità nonché di effettuare fermata e/o arresto temporaneo del veicolo tenendo un comportamento che appaia finalizzato, per le circostanze di tempo e di luogo, a richiedere prestazioni sessuali ovvero informazioni sulle stesse a persona che esercita la prostituzione. per le violazioni ai divieti di cui alla presente ordinanza è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria pari a 500 Euro.

Non sono previste sanzioni per chi offre la prestazione, a meno che non ricorrano altre violazioni di legge. Obiettivo dell’ordinanza è il contrasto dello sfruttamento della prostituzione, fenomeno presente. Sarà in vigore in tutta la città a decorrere dal 27 novembre fino al 27 giugno 2019. “L’ordinanza che ho firmato oggi – dichiara il Sindaco Barbet è un contributo al lavoro che da tempo viene svolto dalle forze dell’ordine. La nostra città non può rimanere cieca di fronte a un fenomeno sotto gli occhi di tutti”.

“Il nostro obiettivo - spiega il Vice Sindaco Davide Russo - è quello di ridare dignità alle donne spesso in stato di schiavitù facendo arricchire vergognosamente la criminalità organizzata. Le Forze dell’Ordine potranno inviare una segnalazione ai Servizi Sociali per le quali potranno essere avviati programmi, reinserimento psicologico e sociale attivi sul territorio comunale per lo specifico recupero, integrazione e reinserimento sociale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Nubifragio a Roma e provincia: disagi in città, allagata la via Appia

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Incidente via Tuscolana: perde controllo della moto e finisce contro un palo, morto 42enne

Torna su
RomaToday è in caricamento