GuidoniaToday

Rinasce il Parco della Vestale Cossinia: l'area riapre al pubblico

Conclusi i lavori di riqualificazione. La stele funeraria risalente al II Secolo dopo Cristo

Il Parco della Vestale Cossinia a Tivoli

E' nuovamente aperto al pubblico e pienamente fruibile il Parco della vestale Cossinia a Tivoli, grazie ai lavori di riqualificazione e di restauro eseguiti dal Comune di Tivoli in collaborazione con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma. Il taglio del nastro lo scorso sabato 13 febbraio. 

Parco Vestale Cossinia a Tivoli 

Nell’area sono stati installati un impianto di illuminazione e un sistema di videosorveglianza; il perimetro esterno è stato completamente messo in sicurezza con la realizzazione di una nuova cancellata; nell’area verde, ripulita e bonificata, sono state messe a dimora piante compatibili con il luogo; sono stati installati panchine ed altri elementi di arredo urbano; è stato avviato un complesso intervento di restauro dell’ara, ancora in corso.

La tomba della Vestale Cossinia 

 La tomba della vestale Cossinia, facente parte della necropoli repubblicano-imperiale dell’antica Tibur sulla via Valeria, fu scoperta fortuitamente nel 1929 lungo la sponda destra dell’Aniene presso la stazione ferroviaria di Tivoli. L’elegante ara funeraria in marmo bianco degli inizi del I secolo d.C., inscritta e decorata con una corona di quercia e con i simboli funerari urceus e patera, l’unica finora nota per una vestale, ne decretò immediata celebrità. 

Abbondonato da decenni 

Il luogo, reso ameno dalla vegetazione fluviale e dalla fauna acquatica, già divenuto meta di pubbliche passeggiate e visite di eruditi, fu sistemato nel 1967 a giardino. L’abbandono degli ultimi decenni e ripetuti atti di vandalismo avevano obliterato la memoria del monumento, fin quasi a pregiudicarne lo stato di conservazione. L’intervento, realizzato dal Comune di Tivoli con la collaborazione della Soprintendenza, ha portato alla rinascita del “Parco della vestale Cossinia”.

Sito archeologico tiburtino

Dall’ingresso lungo viale Mazzini si accede ad un belvedere che offre la vista dall’alto, quindi una scalinata conduce al sito archeologico. L’ara si innalza su un basamento composto di cinque gradini in blocchi di travertino, affiancato da un altro basamento di tre gradini sotto il quale furono rinvenuti uno scheletro e una bambola snodabile in avorio, ornata con monili d’oro, databili in età severiana, ed un cofanetto d’ambra porta-gioielli (Museo Nazionale Romano). 

Virgo vestalis Cossinia 

L’iscrizione entro la corona, cui si intrecciano l’infula e la vitta tipiche dell’acconciatura muliebre, tramanda il nome della virgo vestalis Cossinia, figlia di Lucio; al di sotto, forse aggiunto in un secondo tempo, è il nome del familiare dedicante L. Cossinius Electus. Nel retro sono incisi due esametri, viva testimonianza della fama popolare di cui la sacerdotessa, di antica e nobile famiglia tiburtina, morta ultrasettantenne per essere rimasta devota al culto di Vesta oltre il dovuto, godette: Undecies senis quod Vestae paruit annis, / hic sita virgo, manu populi delata, quiescit. / L(ocus) d(atus) s(enatus) c(onsulto) (Qui sepolta riposa la vergine, per mano del popolo trasportata, poiché per sessantasei anni fu devota a Vesta. Luogo concesso per decreto del senato). Ai problemi interpretativi posti dalla tomba e alla figura della sacerdotessa, inquadrate nel massimo sacerdozio femminile della religione romana attestato nell’Urbe e in altre città, sarà dedicata la mostra “Tivoli e la vestale Cossinia” presso il Museo di Tivoli.

Intervento di pulitura 

La pregevole ara in marmo della vestale (inizi I sec. d.C.), inscritta e decorata con una corona di quercia e con i simboli funerari dell’urceus e della patera, è stata sottoposta – a cura della Soprintendenza – a un complesso intervento di pulitura tuttora in corso. L’ara appariva, infatti, notevolmente degradata a causa di ripetuti atti di vandalismo e di un’antiestetica patina biologica che ne deturpava con striature nerastre la candida superficie soprattutto sulle cornici e sul coronamento pulvinato. La pulitura, di tipo meccanico (con bisturi) e chimico (con utilizzo di biocida) ha consentito di eliminare le infestazioni biologiche e di cancellare quasi interamente le scritte tracciate con inchiostro indelebile, purtroppo penetrato in profondità. Il restauro si concluderà riattaccando piccole schegge prodotte da colpi inferti e con la stesura di un protettivo antigraffio e anti-imbrattamento.

Riqualificazione del parco 

I lavori di riqualificazione, coordinati dalla consigliera del sindaco per i musei civici Maria Antonietta Tomei, sono stati curati dal settore lavori pubblici del Comune di Tivoli. Il restauro dell’ara è stato effettuato da Patrizia Cocchieri e Barbara Caponera dell’Istituto autonomo Villa Adriana-Villa d’Este, con il coordinamento del direttore Andrea Bruciati e per la Soprintendenza, della soprintendente Alfonsina Russo e di Zaccaria Mari. La rievocazione con le vestali nel giorno della riapertura è stata curata dall’associazione Gruppo storico Publio Elio Adriano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

Torna su
RomaToday è in caricamento