GuidoniaToday

Tivoli: firmata ordinanza antiprostituzione, multe di 500 euro ai clienti ed alle adescatrici

L'atto è stato firmato dal sindaco Giuseppe Proietti ed avrà valenza dal 15 di novembre sino al 15 giugno del 2019

Immagine di repertorio

Ordinanza antiprostituzione a Tivoli (qui il link all'Albo Pretorio). L'atto (protocollo 58378 numero 624)  è stato firmato il 6 novembre dal Sindaco della Città dell'Arte Giuseppe Proietti ed entrerà in vigore dal prossimo 15 novembre sino al 15 giugno del 2019 per "le esigenze di incolumità pubblica e sicurezza urbana". Un atto amministrativo la cui violazione costerà 500 Euro ai trasgressori, siano clienti che meretrici. 

In particolare nell'atto firmato dal Primo Cittadino della Superba si premette che "l'idea che sia possibile comprare un essere umano, come si compra un oggetto da usare a proprio piacimento, costituisce principio eticamente inacettabile", in quanto "tale fenomeno di compravendita esercitato su strada sta assumendo carattere di notevole diffusione nel territorio comunale, ed in particolare lungo la via Maremmana Inferiore, nel tratto compreso tra lo svincolo di Tivoli dell'autostrada A24 al Mausoleo dei Plauzi"

Partendo da questa premessa, e considerando "che la prostituzione su strada rappresenta il terminale di una filiera criminale che dà luogo a negozi illeciti per violazione dell'ordine pubblico e del buon costume" e che "tale fenomeno produce gravi situazioni di turbativa della sicurezza stradale, a causa di comportamenti imprudenti degli automobilisti (...) che sono alla ricerca di prestazioni sessuali o vengono semplicemente distratti dall'esercizio della prostituzione, con conseguente e crescente pericolo di incidenti stradali". 

Per tale motivo, dal 15 novembre al prossimo mese di giugno, è fatto divieto "sulla pubblica via e su tutte le aree soggetto a pubblico passaggio del territorio del Comune di Tivoli, di contattare soggetti dediti alla prostituzione, concordare con gli stessi prestazioni sessuali a pagamento" e "consentire la salita dei medesimi sul proprio veicolo". Con riferimento alle meretrici è inoltre "fatto divieto a chiunque di porre in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, assumendo atteggiamenti, modalità comportamentali ovvero indossare abbigliamento o mostrare nudità, che manifestino, inequivocabilmente, l'intenzione di adescare o di esercitare l'attività di meretricio".

Per la violazione dell'ordinanza, si legge ancora sull'atto firmato dal Sindaco di Tivoli, "è stabilito l'importo del pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria pari a 500 Euro". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento